L'associazione Amici del Grattacielo dei Mille insieme all'Urban HUB di Piacenza in Via Alberoni 2, organizza il prossimo 18 maggio alle ore 17 un seminario intitolato "Piacenza, città resiliente? dove parleremmo con il coautore del libro la città resiliente quanto la nostra città sia pronta per affrontare i cambiamenti climatici.  Vi aspettiamo numerosi. 

Clicca qui per vedere il programma e il comunicato stampa

La nascente Associazione Amici del  Grattacielo dei Mille ha aderito al progetto abito

Si tratta di un servizio, a costo zero, per chi vive in condominio o per chi vuole creare una comunità con i propri vicini di casa. Abito è un valido aiuto per restare informati, conoscere meglio il proprio condominio e il quartiere, risparmiare e vivere meglio. E grazie ad una piattaforma, fornisce la possibilità di accedere a documenti e informazioni su una associazione o un condominio (come i verbali, e altro), aderire a convenzioni create appositamente con esercenti, professionisti garantiti, scambiare oggetti e prestazioni con i propri vicini di casa. cosa aspetti ad entrare nella piattaforma dell'associazione? 

CLICCA QUI PER SAPERE DI PIU'

QUI COSA RIPORTA LA STAMPA DEL GRATTACIELO

LIBERTA' - iL PIACENZA - ZEROCINQUE23 

Vuoi prenotare una copia ? scrivici cliccando qui

Il Grattacielo dei Mille, o Residenza dei Mille, a Piacenza è l'edificio più alto della città. E' situato davanti alla Stazione ferroviaria, dando il benvenuto ai visitatori.  Il primo progetto, non costruito, è stato sviluppato dall'arch. Piero Ranzani di Milano, mentre quello attuale, edificato dal 1965 al 1971 per rilanciare la economia piacentina, porta la firma dell'Ing. Salvatore Ligresti e l'arch. Mario Cattozzo. E' posizionato all'interno delle mura storiche e la sua presenza in città irrompe lo skyline delle cupole e campanili delle chiese del centro storico.

Con i suoi circa 65 metri in 22 piani fuori terra (24 considerando i due interrati), il Grattacielo dei Mille è l'edificio più alto di Piacenza e il quinto edificio più alto della Regione Emilia Romagna. E’ stato costruito dove sorgeva il Molino Rebora, unico nella città.

Ha un volume complessivo di circa 90.000 metri cubi, compresi i due piani di garage interrati. E' dotato con gli ascensori più veloci di tutta la provincia che viaggiano a 2,5 m/s.

Il Grattacielo è una piccola città nella città di Piacenza ed è stato calcolato un impatto in termini di emissioni di CO2 di circa 1250 tonnelate all'anno.

Alcuni dati

SCARICA QUI TUTTI I VERBALI DELLE RIUNIONI DEL GRUPPO AMICI DEL GRATTACIELO DEI MILLE:

FILE PRESENTAZIONE PROGETTO      1° RIUNIONE        2° RIUNIONE       3° RIUNIONE       4° RIUNIONE 

Per poter aprire i documenti criptati ed essere informati dei prossimi incontri scrivere a: grattacielodeimille@patriciaferro.com

 

In molti si chiederanno il motivo per cui Piacenza ospiti all'interno delle sue mura storiche un edificio di queste dimensioni in assoluta dissonanza con il suo intorno. Infatti, è stata la domanda che mi sono posta quando ho visto per la prima volta il Grattacielo, mentre la mia mente richiamava i famosi ecomostri di cui purtroppo spesso si vedono nel nostro paese. La solita storia di speculazione edilizia, pensai. Oggi un intervento del genere non sarebbe più tollerato. Non avrei mai pensato che dopo alcuni mesi sarei andata a vivere lì, scoprendo uno sguardo privilegiato dei tetti rossi piacentini, ma allo stesso tempo consapevole che quel panorama aveva un caro prezzo: un vero pugno nello stomaco della città. Dall'altra parte c'è e ci sarà ancora per moltissimi anni e, se guardato con altri occhi, ci si rende conto che non è il solito edificio degli anni 60 con i balconcini in alluminio, ma un progetto di architettura di tutto rispetto, ispirato al movimento moderno dell'epoca.

Il Grattacielo dei Mille venne costruito dopo una decina di anni rispetto alla Torre Velasca e il Pirellone di Milano. Come architetto, posso affermare che il progetto ha una sua dignità, sia dal punto progettuale che tecnologico, mancante nella maggior parte degli edifici piacentini coevi.

Oramai l'edificio, di scala monumentale, appare come il custode della città. Dai suoi 65 metri l'osserva e l'ammira. Arrivando dal Pò, insieme al Palazzo Farnese sono loro i protagonisti dello skyline. Si parlano guardandosi in faccia. Ognuno dal suo punto di vista, il Cinquecento e la storia l'uno, e il Novecento e la modernità, l'altro. Nonostante sia un edificio che abbia a suo modo "ferito" la città, credo abbia la sufficiente onorabilità per raccontare la sua storia, il perchè della sua nascita, la sua vita e il rapporto con Piacenza, e tutto sommato farlo sapere ai suoi cittadini, non sarebbe che cercare di spiegare un altro pezzo di città finora ignorato.

architetto Patricia Ferro - Viale dei Mille, 3 - 29121 - Piacenza - M_ +39 3393791376 - www.smarthfurniture.com  -  ​www.patriciaferro.com - patricia@patriciaferro.com

© 2023 by Digital Marketing. All rights reserved